Chi Siamo

 

La UILCA è il Sindacato di categoria, facente parte del Sindacato Confederale UIL, che riunisce i lavoratori che operano nel settore del credito, finanziario, delle concessionarie esattoriali e delle assicurazioni. L’Organizzazione si è costituita a gennaio del 1998 attraverso la fusione della UIB (Unione Italiana Bancari) e della UILASS (Unione Italiana Lavoratori delle Assicurazioni), alle quali nell’aprile del 2000 si è aggiunta anche la FILE (Federazione Italiana Lavoratori Esattoriali).

Originariamente questa Organizzazione rappresentava poco più di 12.000 iscritti. Ora quella piccola UIB, diventata nel frattempo UILCA, riunisce oltre 44.000 lavoratori del settore.

I valori che la UILCA esprime sono fondati sulla valorizzazione del lavoro, sulla difesa dei diritti dei lavoratori, sulla crescita intellettuale, morale e solidale dei cittadini e della società, sulla solidarietà, democrazia e giustizia sociale, ed è da sempre impegnata in iniziative per favorire la tutela della salute e una migliore qualità della vita.

La UILCA è una Organizzazione laica: questo rende possibile la coesistenza di realtà molto eterogenee fra loro, con storie ed esperienze sindacali diversificate; permettendo altresì la coesistenza di attivisti e di semplici iscritti facenti riferimento a partiti o movimenti politici diversi, ma anche a coloro che non nutrono vicinanza per nessun partito politico.

È questa ricchezza culturale che pone le prospettive per affrontare i problemi senza prevenzioni di alcun tipo, permettendo alla suddetta Organizzazione di svolgere la propria politica sindacale col solo scopo di rappresentare tutti i lavoratori e, nel fare ciò, cercare di adoperarsi per rendere migliori le condizioni lavorative, economiche e sociali delle persone che rappresenta.

Conscia dei suoi presupposti, la UILCA rifiuta di perseguire la strada del populismo e del disfattismo. Questi atteggiamenti, che non appartengono al suo modus vivendi e alla sua storia sindacale, possono dimostrarsi certo più semplici in termini di dispendio di risorse ed energie e possono anche risultare più redditizi sotto il profilo del proselitismo o della visibilità, ma sicuramente l’impiego di questa strategia nel tempo può alimentare un antagonismo che rischia di sfociare in derive che producono solo un deprezzamento del lavoro sindacale.

La UILCA, invece, ribadisce il suo ruolo di Sindacato propositivo e concertativo, che crede nel dialogo costruttivo e nel valore delle differenze per il raggiungimento di soluzioni condivise e percorribili, e conferma di voler svolgere il suo compito con coerenza, assumendosi le responsabilità che esso comporta.

La coerenza della UILCA quale Sindacato costruttivo e pronto ad assumersi le responsabilità del suo ruolo è evidente anche nelle proposte che avanza. Tra queste spicca la richiesta di maggiore partecipazione dei lavoratori alla vita delle aziende, ritenendo che occorre intervenire per rivendicare il superamento degli interventi di natura meramente aziendale, che finora si sono basati solo su esigenze di abbattimento del costo del lavoro senza mai concretizzare progetti di sviluppo e di crescita sul fronte del personale, sia in termini professionali che salariali e occupazionali.

Ed è in quest’ottica che questa Organizzazione sindacale vede nella stagione del rinnovo del Contratto Nazionale - che si aprirà quest’anno – e nella necessità di affrontare la definizione dei Contratti Integrativi Aziendali occasioni fondamentali per costruire assetti normativi e retributivi in grado di consentire alle aziende e ai lavoratori di affrontare le prossime sfide in termini progettuali e di crescita.

In questi ambiti la UILCA si presenterà, come sempre, con spirito propulsivo, consapevole delle difficoltà, ma allo stesso tempo ferma nel ribadire le proprie convinzioni sulla centralità dei Contratti e sulla necessità di riconsegnare la dignità di lavoratori, talvolta offesa anche sotto il profilo personale.

OBIETTIVI
Il programma di lavoro della UILCA si pone come primo obiettivo quello di rappresentare la voce, le idee e proposte dei lavoratori del Gruppo. Insieme ad esse c’è la consapevolezza che l’azione sindacale vada necessariamente completata da continue fasi di confronto con la controparte. Riuscire quindi ad intraprendere un confronto serio e corretto è prodromico per portare responsabilmente sui tavoli le vere necessità dei lavoratori.

La UILCA intende adoperarsi per il raggiungimento di alcuni obiettivi che ritiene prioritari per i lavoratori e lavoratrici, quali per esempio quello di restituire alla figura del bancario la propria identità professionale ed il prestigio che gli è proprio. Ma ritiene altresì importante affermare un rapporto con gli iscritti che verta sul tenerli costantemente informati su tutte le questioni che li riguardano (contratti, leggi, pensioni, sanità, etc.). Parimenti intende intraprendere con i media un rapporto di comunicazione che possa diramare le vicissitudini (negative ma anche positive se riscontrate) che riguardano le situazioni legate a questo settore e, nello specifico, al Gruppo UBI Banca.

Per quanto riguarda i rapporti con gli altri sindacati è innegabile l’impegno della UILCA a favore dell’unità sindacale, che deve avere quale obiettivo primario quello di tutelare i lavoratori. La soluzione dei problemi che essi vivono quotidianamente è per questa Organizzazione sindacale sempre prioritaria, quindi, di fronte all’apatia o all’assenza di volontà di altri, la UILCA non accetterà di rinunciare a svolgere in pieno il suo ruolo, che deve in primo luogo essere rivolto a costruire un confronto costante e costruttivo con i propri iscritti.

Il ruolo del Sindacato è fondamentale, lo è nella tutela dei diritti, ma anche nella capacità di proporre soluzioni anche innovative per far fronte ai “momenti di crisi” come questo che stiamo vivendo. La UILCA è assertrice del confronto, convinta che solo attraverso la condivisione delle istanze possano affermarsi collaborazioni volte a trovare le soluzioni più opportune.

La UILCA non ha mai avuto il timore di parlare, di dialogare, di fare proposte e di accogliere le idee anche dei singoli lavoratori, anche di quelli non iscritti al Sindacato. Questo ruolo di ascolto e di confronto su temi particolarmente impegnativi e cruciali va ulteriormente consolidato e sviluppato.

Oggi, questi preamboli fondanti di questa Organizzazione sindacale sono supportati da nuovi impegni e da un ulteriore investimento di entusiasmo che ha portato ad approdare all’interno della UILCA nuovi colleghi entrati a far parte della struttura. Essi, insieme alla precedente compagine, costituiscono il traino per quella che adesso si può definire una vera e propria squadra.

FASE DI SVILUPPO
Nel Gruppo UBI Banca la UILCA può vantare di aver acquisito una grande esperienza frutto di storie variegate e dal ruolo sindacale svolto all’interno dell’allora Gruppo Banca Lombarda e Piemontese, da una parte, e nel Gruppo Banche Popolari Unite, dall’altra. A questo baluardo, in questi anni si sono andati ad aggiungere importanti preziosi apporti che aprono per questa Organizzazione ulteriori prospettive, ampliando lo spazio di intervento, confronto e negoziazione aziendale.

Questo è il segno più evidente che il percorso intrapreso da parte della UILCA si è contraddistinto non solo per il senso di responsabilità mostrato e l’impegno profuso nei confronti dei colleghi e colleghe, ma anche per la capacità di aggregare creando sinergie.

La crescita e lo sviluppo di questa Organizzazione all’interno del Gruppo UBI Banca le ha permesso di estendere la sua presenza in tutte le Aziende medio-grandi del Gruppo: UBI Banca (holding), Banca Popolare di Bergamo, Banco di Brescia, Banca Popolare Commercio & Industria, Banca Regionale Europea, Banca Carime, Banco di San Giorgio, UBI Sistemi e Servizi e Centrobanca.

Le UILCA sta riuscendo ad ottenere da parte dei colleghi sempre maggiore apprezzamento per le iniziative che intraprende e per lo spirito col quale le porta avanti. L’incremento degli iscritti e la presenza di nuovi delegati impongono una ridefinizione dei compiti e degli impegni, fattore fondamentale per continuare l’obiettivo di crescita e consolidamento.

Molto è stato fatto nel percorso di rinnovamento e di adeguamento della UILCA alle nuove realtà, per rendere questa Organizzazione pronta a cogliere le sfide del futuro, ma anche per favorire l’inserimento al proprio interno di giovani dirigenti sindacali i quali, affiancati dai rappresentanti UILCA con maggiore esperienza, rappresentano la continuità politica della struttura e possono contribuire per una crescita complessiva dell’Organizzazione in termini professionali, di capacità di proposta e di proselitismo.

L'accrescimento avvenuto in questi anni e le prospettive di ulteriore affermazione sono un orizzonte propedeutico, che rende la UILCA punto di riferimento essenziale per i colleghi e colleghe del Gruppo, per la tutela e la valorizzazione delle loro capacità professionali e della loro dignità personale.

INVESTIMENTO NELLA COMUNICAZIONE
Nel segno della continuità, ma guardando con interesse anche alle nuove iniziative, la UILCA annuncia che la sua azione sindacale vuole riservare ai suoi associati maggiore rilevanza per l’aspetto della comunicazione. L’informazione è ritenuta un “pilastro” fondamentale, in quanto si ritiene che i lavoratori e lavoratrici hanno il diritto di conoscere il lavoro che i sindacalisti svolgono e la UILCA questo impegno lo vuole assumere interamente, garantendo ai colleghi una continua informazione libera, aperta e costruttiva.

Infatti, se è vero che è compito precipuo del Sindacato quello di impegnare ogni sforzo per cercare le soluzioni migliori alle problematiche che si presentano, è altresì tangibile che l’impegno dei lavoratori deve essere quello di offrire quel prezioso e sacrosanto diritto di critica e di suggerimento. Tutto questo è però fattibile se all’interno di una Organizzazione vi è una costante interazione e comunicazione tra sindacato e lavoratori che renda possibile questo percorso.

La UILCA del Gruppo UBI Banca, in tal senso, si è posta di aprire le porte a ogni lavoratore che intenda dedicare un po’ del proprio tempo all’iniziativa sindacale.

Consapevoli però delle difficoltà che a volte impediscono al lavoratore di vivere in modo attivo la vita sindacale, a causa degli impegni lavorativi ed extra, si è ritenuto di elaborare e rendere operative nuove metodologie che possano permettere a questi lavoratori di partecipare comunque a tutte le attività del Sindacato.

Un utile mezzo di approfondimento e di dialogo deve essere sviluppato e potenziato per accorciare le distanze fra ciò che emerge dalla base dei lavoratori e gli stessi rappresentanti sindacali. Cogliere per tempo i problemi, interpretare correttamente e condividere con le strutture di riferimento gli umori, le istanze e le esigenze dei lavoratori è il viatico più produttivo per offrire delle concrete risposte e per predisporre una efficace azione sindacale.

È opportuno produrre uno sforzo in termini di approccio ai problemi: passare da una forma mentis rivolta ad azioni sporadiche o alla soluzione delle questioni più gravi o urgenti, a una innovativa forma di comunicazione tra lavoratore e sindacato che sappia cogliere le novità, le aspettative, i bisogni.

La UILCA non è sorda alle istanze dei lavoratori e oggi, con il contributo di tutti, vuole ascoltare di più e meglio.

 

Statuto Nazionale UILCA

approvato al Congresso
Roma 12 febbraio 2010

Scarica lo Statuto Nazionale della UILCA

 

 

Regolamento di attuazione dello Statuto UILCA

aggiornato al 12 febbraio 2010

 

Scarica il Regolamento di attuazione dello Statuto UILCA

 

 

Rubriche
Promozionale
Comunicazione Sociale