In primo piano

11/05/2017
UBI E OPERAZIONE DI CLOSING
Uilca: per una valutazione complessiva attendiamo incontro con i vertici
Per Uilca, impatto su costo del lavoro va gestito con strumenti previsti dal Ccnl. Inoltre, i sacrifici non potranno essere solo dei lavoratori
Comunicazione e relazioni esterne
 

Relativamente alle prime notizie che stanno circolando circa la revisione del Piano d’impresa del Gruppo UBI, alla luce del closing dell’operazione di acquisizione delle tre «Bridge Banks»: ex Nuova Banca Etruria, Nuova Banca Marche e Nuova Carichieti, la responsabile della UILCA Gruppo UBI Banca, Claudia Dabbene, ha rilasciato il seguente commento:

«Prendiamo atto delle notizie apprese stamane sulle stampa. Comunque, per una valutazione completa attendiamo un incontro con i vertici del Gruppo UBI, anche per avere piena consapevolezza di come siano distinti i numeri degli esuberi annunciati, considerando quelli nuovi, quelli già dichiarati e in attesa di essere discussi e quelli già concordati.

Riteniamo che l’impatto sul costo del lavoro del nuovo Piano d’impresa vada gestito con gli strumenti previsti dal contratto nazionale, concordandoli nel corso di una trattativa che confermi le positive relazioni sindacali del Gruppo UBI.

In ogni caso, i sacrifici non potranno essere solo dei lavoratori e saranno condivisi solo se funzionali a una concreta politica di sviluppo del Gruppo e di valorizzazione del personale».

 

Rubriche
Promozionale
Comunicazione Sociale